La Juventus potrebbe essere una delle scelte più popolari per iniziare una nuova carriera su Football Manager 2023. Un po’ per la sua storia, un po’ perché è la squadra più tifata d’Italia, un po’ perché soprattutto inizialmente si tende ad iniziare con una big per conoscere le novità del gioco, prima di cimentarsi in una carriera partendo dal basso.

Naturalmente il peso economico e lo status della Juventus rendono questa una carriera – teoricamente – facile, dove il raggiungimento del successo e le vittorie dovrebbero arrivare in breve tempo. La rosa bianconera è attrezzata per vincere da subito in Italia e lottare per un titolo anche in campo europeo.

Ma c’è anche da dire che la Juventus è in costruzione. Soprattutto nell’ultimo mercato estivo ci sono stati una serie di addii eccellenti che hanno portato all’avvio di un nuovo ciclo. Quindi ci sarà tanto lavoro da fare per poter creare un super team e vincere a mani basse in Italia e in Europa. E noi vogliamo darti qualche consiglio per la tua carriera con la Juventus su Football Manager 2023.

La Champions League

La Champions League / Laurence Griffiths/GettyImages

La Champions League manca dal 1995-96. Ormai la coppa dalle grandi orecchie è diventata una ossessione per il club bianconero. Neanche l’acquisto di Cristiano Ronaldo ha portato questo trofeo.

Ora è tutto nelle tue mani. Puoi entrare nella storia della Juventus vincendola.

Gonzalo Higuaín, Leonardo Bonucci, Giorgio Chiellini

La Juventus festeggia la vittoria del campionato / Stefano Guidi/GettyImages

La Juventus vuole tornare a vincere anche a livello nazionale. Dopo aver ceduto gli ultimi due Scudetti a Inter e Milan, la società bianconera rivuole il tricolore. Potresti fare anche qualcosa in più.

Prova ad aprire un nuovo ciclo di vittorie nazionali e raggiungi i dieci Scudetti di fila da allenatore della Juventus. In poche parole: potresti portare da solo una stella sulla maglia bianconera e diventare un eroe.

Massimiliano Allegri

Massimiliano Allegri / Marco Canoniero/GettyImages

La Juventus gioca male. La Juventus è una squadra cinica. La Juventus non può fare bel calcio perché deve pensare a vincere. Ci ha provato Sarri a portare il bel gioco, ora è il tuo turno.

Cerca di unire vittorie e bel gioco e cambia così il DNA della Juventus. Vincere non è l’unica cosa che conta, è bello farlo giocando bene e divertendo il pubblico.

Federico Cherubini

Federico Cherubini, direttore sportivo della Juventus / SOPA Images/GettyImages

Il Fair Play Finanziario non permette follie e la Juventus, storicamente, è sempre stata abile a finanziare il suo calciomercato in entrata con alcune cessioni importanti.

Cerca di renderti indipendente/autonomo dalla proprietà, che prima o poi potrebbe stancarsi di fare ricapitalizzazioni. Spendi solo ciò che riesci ad incassare dal mercato, a costo di fare una cessione importante ogni estate.

Andrea Agnelli, Deniz Akalin, Nasser Al Khelaifi

Andrea Agnelli / Jean Catuffe/GettyImages

Non solo l’autofinanziamento in sede di mercato. Il tuo obiettivo deve essere anche dare stabilità e solidità economica al club. Per farlo serve aumentare il fatturato e per farlo dovrai vincere ed evitare spese pazze.

Tutto il resto sarà una conseguenza. E vedrai che la proprietà sarà ben felice di non dover più immettere capitali freschi nelle casse della società juventina.

Fabio Miretti, Carlos Del Cerro Grande

Fabio Miretti / Jonathan Moscrop/GettyImages

Cerca di dare un senso al settore giovanile e alla possibilità di sfruttare anche la Squadra B che gioca in Serie C. Una rampa di lancio ottima per evitare il salto dalla Primavera alla prima squadra.

L’obiettivo minimo deve essere quello di portare almeno due giocatori a stagione in prima squadra. Vedrai che poi ti saranno utili anche per la Lista UEFA.

Giorgio Chiellini, Gianluigi Buffon, Leonardo Bonucci

Chiellini, Buffon e Chiellini / Marco Canoniero/GettyImages

Fino a qualche anno fa la Juventus garantiva alla Nazionale diversi elementi (7-8 giocatori). Insomma, c’è Italia senza Ital-Juve. Tra i tuoi obiettivi dovresti metterti anche quello di aiutare la nazionale a vincere, dandogli più elementi possibili.

È questione di tradizione.

Carlo Pinsoglio, Leonardo Bonucci, Wojciech Szczesny

Pinsoglio, Szczesny e Bonucci / Jonathan Moscrop/GettyImages

Da Cuadrado a Bonucci passando per De Sciglio, Perin, Szczesny e Di Maria (ma non solo). Sono tanti i giocatori over 30 presenti nella rosa della Juventus. Tra gli obiettivi deve esserci per forza un ricambio generazionale (già iniziato la scorsa estate dalla società).

Non esagerare con i cambi, tieniti sempre due-tre senatori in rosa che possono essere utili sia per l’esperienza sia per tenere tranquillo lo spogliatoio.

Alex Sandro

Alex Sandro / Jonathan Moscrop/GettyImages

Da anni la Juventus cerca di vendere Alex Sandro ma nessuno sembra farsi avanti per il terzino brasiliano ex Porto. Riuscirai tu a cederlo e liberare il club di un ingaggio importante per un giocatore che non rende più come nei primissimi anni?

Poi se riesci a rilanciarlo tanto di guadagnato. Ma anche lui ormai va verso i 32 anni, quindi prima riesci a cederlo e più soldi incasserai.

Gianluigi Donnarumma

Gianluigi Donnarumma / Mattia Ozbot/GettyImages

La Juventus ha una lunga tradizione di grandi portieri italiani in rosa. Giusto per citarne due: Zoff e Buffon. Dopo la parentesi Szczesny c’è bisogno di un estremo difensore italiano, ma non uno qualsiasi: il più forte, il titolare della nazionale.

Quindi, mi sa che dovrai iniziare il pressing per strappare Donnarumma al Paris Saint-Germain.



Source link