La fase a gironi della Champions League è terminata ed è tempo di bilanci. Tra le italiane, solo la Roma è sopravvissuta fino ai quarti di finale. Lo scorso anno era stata invece la Juventus femminile a riuscire nell’impresa di superare i gironi, salvo poi essere eliminata ai quarti di finale contro il Lione. 

Prima della stagione 2021/2022, bisogna risalire fino alla stagione 2015/2016 per trovare il Brescia a questo punto della scalata verso la Coppa più importante d’Europa. La maggior facilità che le squadre italiane hanno incontrato negli ultimi due anni ad avanzare nel torneo è in parte ovviamente merito delle rose, ma in parte merito del nuovo formato adottato dalla Uefa.

La maggiore competizione per club europea ha infatti cambiato di molto la sua fisionomia dalla sua prima edizione nel 2001 con un nuovo formato a 16 squadre per la fase a gironi, introdotto nella stagione 2021/2022. 

Il torneo nel tempo ha cambiato la forma e raggiunto una sua maturità. Dalla sua nascita nel 2001, la competizione ha cambiato denominazione nel 2010, iniziando a chiamarsi Uefa Women’s Champions League e introducendo un premio in denaro solo per le finaliste. Con la recente introduzione del nuovo formato, c’è stata per la prima volta anche una contrattazione centralizzata dei diritti audiovisivi e commerciali, che ha permesso di arrivare a premi che, ad esempio, per le squadre che raggiungono la fase a gironi sono circa cinque volte maggiore rispetto a quanto spettava ai club che raggiungevano i sedicesimi di finale nel vecchio format. 

Ma quanto hanno guadagnato i club che hanno partecipato a questa edizione?

Partendo dall’inizio, ci sono un totale di 24 milioni di euro da distribuire, circa lo 0.89% rispetto al montepremi del torneo maschile. Di questi 11.5 milioni di euro saranno distribuiti dalla fase a gironi in poi, 7 milioni di euro per la fase di qualificazione e 5.6 milioni di euro alle squadre non partecipanti per garantire uno sviluppo esteso del calcio femminile. 

Le formazioni che si sono conquistate un posto nei quattro gironi del torneo hanno diritto a un premio di 400.000 €. A questo vanno sommate le quote di 17.000 € per ogni pareggio e 50.000 € per ogni vittoria stabilite dalla Uefa. Il passaggio del turno ai quarti di finale vale invece 160.000 €, a cui si aggiungeranno altri 20.000 € per le vincitrici di ciascun girone. Alle semifinaliste spettano invece 180.000 €. La squadra vincitrice del torneo alzerà, oltre alla coppa, anche un assegno di 350.000 €, mentre il premio di consolazione per la seconda qualificata sarà di 200.000 €. 

Fino ad ora è il Chelsea la squadra che si è assicurata il maggior incasso. Dopo l’eliminazione a sorpresa dello scorso anno, di cui in parte è stata complice la Juventus, le Blues con le loro 5 vittorie e un solo pareggio, hanno portato a casa 847.000 €. Nessuna delle squadre in questa stagione riuscirà a raggiungere il massimo importo messo in palio dalla Uefa per chi vince tutte le partite dai giorni alla finale, pari a 1.41 milioni di euro. La squadra guidata da Emma Hayes però potrà essere quella in grado di avvicinarsi di più vincendo tutte le partite rimanenti, arrivando a circa 1.38 milioni di euro. 

La Juventus ha concluso i gironi con due vittorie, entrambe contro lo Zurigo, e tre pareggi, due contro il Lione e uno contro l’Arsenal, per un totale di 551.000 €. Un bottino peggiore rispetto a quello dello scorso anno in cui aveva vinto tre match e pareggiati due, qualificandosi anche ai quarti di finale poi persi contro il Lione, arrivando così ad un totale di 744.000 € a questo punto del torneo.

È andata molto meglio invece alla Roma, che nella sua stagione d’esordio nella competizione è riuscita ad arrivare fino ai quarti di finale. La squadra di Spugna, grazie al pareggio contro il Wolfsburg e alle altre quattro vittorie, ha conquistato sia l’accesso ai quarti di finale sia il diritto ad un premio di 777.000, il premio più alto mai raggiunto da una squadra italiana nella massima competizione europea. 

Grazie anche ad un girone più alla portata dei mezzi delle giallorosse, rispetto a quanto capitato alle bianconere, la Roma è stata una delle squadre che ha massimizzato gli incassi in questa edizione del torneo al momento, facendo peggio solo di Arsenal, Wolfsburg, Chelsea, Bayern e Barcellona. 

Giulia Beghini




Source link