Doveva esserci partita e c’è stata solamente per il primo set, perché nel secondo Bela e Coello si sono spenti, punto dopo punto, sotto le bordate di Lebron e Galan, sul trono anche nel Master di Buenos Aires, nono trofeo del 2022 nel World Padel Tour, dodicesimo considerando i tre del Premier Padel. È stata anche la finale dei rimpianti, perché nel padel un punto, come un dettaglio, seppur piccolo, possono improvvisamente cambiare la storia. E questo match, ad un certo punto, ci ha mostrato come esistano dei turning point che possono spostare l’inerzia da una parte all’altra.

Nel primo set il Boss e Coello hanno sprecato tre set point, in risposta al servizio, sul punteggio di 5-4. Eppure l’inizio era stato tutto loro, capaci di giocare i primi games con attenzione, solidità, senza mai sbagliare una scelta dal punto di vista tattico. Sembrava potessere essere tutto apprecchiato per un match equilibrato e combattuto. E magari lungo. Subito break in avvio, a zero, ed un 3-1 meritato con turno di battuta e avanti 40-30. In quel momento i numeri uno hanno giocato probabilmente due tra i migliori punti dell’intero torneo, uscendo dalle sabbie mobili una prima volta. Nella seconda, quella dei tre set point, c’è stata la complicità degli avversari, fallosi ed imprecisi. Soprattutto Belasteguin ha commesso errori non da lui. Nel tie-break è bastato un mini-break, con Lebron-Galan a convertire la prima palla set.

Poi di equilibrio, nella restante parte di questa finalissima, ce n’è stato poco. Perché il secondo set è scivolato via in 28 minuti, con 2 break a 0, 1 punto de oro a 0 ed un differenziale di 9 punti (27 a 16) che fotografa quanto accaduto in campo. Gli spagnoli, ancora una volta, dimostrano di essere i più forti di tutti. Vincono il torneo senza mai perdere un set, superando ogni ostacolo con grande disinvoltura. E non è stato un cammino ne scontato ne semplice, perché nei quarti hanno trovato Navarro-Yanguas, una coppia che sta bene in campo, in semifinale Tello-Chingotto alla partita d’addio e super motivati a chiudere bene una avventura iniziata in età giovanile. Ed in finale quella che è, almeno guardando la seconda parte di stagione, la coppia più forte tra i contender.

“È stata una settimana molto speciale per noi. Prima di tutto la mia ammirazione per Bela e Coello. Per la grande annata che stanno giocando come coppia” dirà Lebron prima della premiazione, pagando il giusto tributo a Fernando Belasteguin che giocava questa finale davanti al proprio pubblico “Per Bela ho grande ammirazione dentro e fuori dal campo”. “Nessuno torneo è semplice, anche perché il livello degli avversari continua a crescere” gli fa eco Galan “È un torneo speciale. Come dico sempre, la nostra caratteristica principale è avere ambizione e voler sempre migliorare e vincere È bellissimo vedere le tribune piene tutti i giorni. Sono molto felice di aver vinto”. Non c’è pausa per i giocatori, soprattutto per chi, costantemente, arriva in fondo ai tabelloni dei tornei. Questa settimana si giocherà il Mexico Open, mentre quella successiva, sempre in Messico, il Major, il quarto, del Premier Padel.



Source link