Il club lagunare allarga gli orizzonti e sbarca nel calcio per diversamente abili su carrozzine: è il primo club professionistico italiano.

Il Venezia allarga le frontiere e affronta una nuova sfida. Il club lagunare ha annunciato l’ingresso nel mondo del Powerchair Football, disciplina sportiva nata in Francia nel 1978 per consentire a ragazze e ragazzi diversamente abili la pratica del calcio su carrozzine elettroniche.

La società arancioneroverde è il primo club professionistico italiano ad entrare a far parte di questo mondo, con la partecipazione alla prima edizione del campionato di Serie A 2021/22. Apputamento per domenica 21 novembre con l’esordio in casa, a Mestre, contro i Viadana Warriors.

Il Venezia allarga i suoi orizzonti grazie alla collaborazione con la Polisportiva Terraglio, già impegnata nel Powerchair hockey e campione d’Italia in carica. Un’iniziativa che ha come obiettivo quello dell’inclusione e della diffusione della pratica sportiva tra ragazze e ragazzi con disabilità.

A coordinare a livello europeo il Powerchair Football è l’EPFA, l’European Powerchair Football Association, associazione internazionale che collabora con la UEFA e ha come obiettivo quello di aumentare il numero di Paesi e di giocatori coinvolti.

“Siamo orgogliosi di aver intrapreso questo percorso assieme alla Polisportiva Terraglio, da oggi in campo come Venezia FC Powerchair Football nel campionato nazionale, fieri di poter annoverare anche questi atleti tra coloro che competono indossando i nostri colori – ha dichiarato il vice presidente del Venezia Andrea Cardinaletti -. Supportare iniziative di rilevanza sociale è il minimo che un club come il nostro possa fare, al fianco di messaggi e valori positivi che solo il calcio, in ogni sua forma, riesce a veicolare e amplificare con una certa efficacia”.



Source link