Dopo due difficili anni a causa della pandemia di COVID-19, l’Intercontinental GT Challenge sembra ormai pronto a tornare alla normalità. La 12 Ore di Bathurst, prova d’apertura della stagione 2022, è stata anticipata al 27 febbraio, confermando così un calendario composto da quattro appuntamenti.

Bathurst confermata nel calendario 2022

In questo 2021 non si è tenuta la corsa australiana a causa delle restrizioni imposte proprio dall’Australia sui voli internazionali e sugli accessi al Paese. La nuova data di Bathurst del 25-27 febbraio è fissata tre settimane prima rispetto a quanto annunciato durante la conferenza stampa di fine stagione di SRO Motorsports Group, tenutasi lo scorso ottobre. Supercars, promoter dell’evento, è fiducioso sul fatto che le restrizioni verranno allentate entro la fine di febbraio, ma rimane comunque l’incertezza su una possibile cancellazione (di fatto sarebbe la seconda consecutiva). «Mantenere la tradizionale data di inizio febbraio dell’evento non era un’opzione valida, ma dopo aver consultato team, produttori e Supercars è diventato evidente che scegliere un weekend alternativo sarebbe stato nel mese di marzo, quando iniziano le stagioni australiane, europee e americane» ha detto Stephane Ratel, CEO e fondatore di SRO Motorsports Group.

Le altre date del campionato

Con Bathurst, il calendario 2022 dell’Intercontinental GT Challenge conta un totale di quattro round: infatti, ci sono anche la 24 Ore di Spa (28-31 luglio, valida anche per il GT World Challenge Europe), la 8 Ore di Indianapolis (7-9 ottobre) e la 9 Ore di Kyalami, ora spostata al 1-3 dicembre. Manca invece la tappa asiatica, con Suzuka che rimane ancora una volta fuori dai piani del prossimo anno.

Il calendario completo 2022

27 febbraio: 12 Ore di Bathurst
30-31 luglio:  24 Ore di Spa
9 ottobre: 8 Ore di Indianapolis
3 dicembre: 9 Ore di Kyalami

Copyright foto: Intercontinental GT Challenge

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui





Source link