fifa-22-accordo-lega-serie-a

Il 2021 con tutta probabilità lo ricorderemo come un anno di cambiamento assoluto nel mondo dei titoli sportivi calcistici. Soprattutto se davvero la licenza della FIFA passerà dalle mani di EA Sports a quelle di 2K Sports e Take-Two come si vocifera.

Di fatto la situazione allo stato attuale è questa. FIFA 22 di EA Sports domina incontrastato, praticamente senza alcun rivale. Con Konami che sembra aver fallito su tutta la linea con il suo nuovo eFootball, titolo free to play che prende il posto dello storico PES.

Konami ha provato a rivoluzionare, abbandonando il classico modello premium e offrendo quello che doveva essere un gioco free to play, cross-gen e cross-play che avrebbe permesso di giocare sia da console che da dispositivi mobile. Di fatto invece quella che ne è venuta fuori è poco più di una demo, tempestata di bug e dalle fantasiose espressioni facciali dei pochi giocatori che hanno prestato il proprio volto in via degli accordi ufficiali. Konami è stata costretta a chiedere pubblicamente scusa (almeno di facciata), anche dopo la pubblicazione del primo DLC il cui costo è sembrato a tutti esagerato.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Ad oggi la situazione di eFootball però non è migliorata più di tanto. Lo sviluppo continua a esser travagliato e subire ritardi anche importanti, e la decisione di rimborsare i giocatori che hanno acquistato il costoso Premium Player Pack sembra voler significare che la prima stagione verrà accantonata e si proverà a ripartire meglio in vista del prossimo campionato.

Per quanto riguarda FIFA 22 ed EA Sports invece sorge il problema del rinnovo della licenza ufficiale FIFA. Nelle scorse settimane si è vociferato del fatto che la FIFA avrebbe chiesto a EA Sports l’esorbitante cifra di 1 miliardo di dollari per il rinnovo della licenza.

A fronte di questa richiesta mostruosa anche la stessa Electronic Arts ha avuto un momento di titubanza. Dall’esterno non sappiamo come stiano proseguendo le trattative e che cifre siano state effettivamente messe in ballo. Ma sono settimane che si vocifera di un possibile cambio di nome in futuro anche per il calcistico di EA Sports.

L’unico spiraglio di possibilità viene quindi dalle ricchissime casse di Take-Two e 2K Sports che possiedono già la licenza NBA, WWE e PGA Tour. Il gruppo si sta di recente espandendo proprio in ambito calcistico, ma al momento l’unica esperienza che hanno in questo campo è quella di Top Eleven, un gioco mobile di cui è stato acquisito il team di sviluppo questa estate.

Al riguardo è stato interpellato il CEO Strauss Zelnick “Siamo particolarmente contenti di avere Nordeus nella famiglia Take-Two e Top Eleven è un gioco molto amato. Non potrei essere più felice di essere nel business di gestionali di calcio attraverso Top Eleven con Nordeus. Questo è un grande passo avanti per noi… non siamo mai stati in questo settore prima. E non posso dire altro per oggi“.

Fonte: Videogamechronicle





Source link